Il tema della mia arte è fondamentalmente astratto. Con essa ricerco sempre un’equilibrio nelle forme e nei colori. Ogni quadro rappresenta un progetto di costruzione pittorica unica, alla ricerca di una emozione, di una atmosfera in un gioco di contrasti. Il gruppo di quadri che più mi rappresenta é quello di ‘Ordine e Caos‘. Il concetto nasce dalla fascinazione per il Caos che nel brodo primordiale ha portato alla definizione dell’Ordine, la genesi di equilibri perfetti, come le forme gemetriche, ma anche la rottura degli stessi, come le differenze di colore. Questo eterno dualismo tra razionale e irrazionale, un labile equilibrio che rappresenta la mia fonte di ispirazione principale. Il gioco dei contrasti che ne deriva, definisce la chiave della nostra percezione, senza di essi non ci sarebbero nè colori nè forme, tutto ci apparirebbe piatto, uguale. Eros e tanatos, yin e yang, il buio e la luce…. sono contrasti che noi viviamo, essenza stessa della vita.

Mi esprimo anche tramite la costruzione materica, sempre in un movimento di contrasti sulla tela dove costruisco e destrutturo le forme e mi affascina il tema dei confini rappresentativi, siano essi fisici, naturali, mentali.

Il mio approccio ad una tela bianca è la genesi di un travaglio interiore indotto dalla volontà di comunicare questa mia visione dei contrasti e dei confini traducendoli in elementi figurativi. Un impulso senza certezze acquisite, che trova quindi sfogo attraverso una filosofia realizzativa di libera sperimentazione nella ricerca di tecniche e di forme.

Seguimi anche su Instagram: